clicca per info
  • BINETTO: SABATO 21 OTTOBRE 2017 "2^ SAGRA DELLE PETTOLE E DELLE OLIVE DOLCI"

    Martedì 17 Ottobre 2017 16:03
  • BINETTO: SABATO 28 OTTOBRE 2017 "4^ SAGRA DELLE CASTEGNE E DEL PANINO CON LA SALSICCIA"

    Martedì 17 Ottobre 2017 15:55
  • BINETTO: I BAMBINI DI ONCOEMATOLOGIA ALL'AUTODROMO DEL LEVANTE

    Lunedì 16 Ottobre 2017 12:06
  • ANCHE GRUMO APPULA NELLA MOSTRA FOTOGRAFICA "VARCHI DI PUGLIA" DEI 41 SCATTI DELL'AREA METROPOLITANA DI BARI

    Sabato 14 Ottobre 2017 09:29
  • SALUTO PUBBLICO DI PAPA FRANCESCO AI FEDELI DI GRUMO APPULA

    Mercoledì 11 Ottobre 2017 15:04
  • PRESENTAZIONE DOMANDE PER BONUS IDRICO PUGLIA (SCADENZA 31/12/2017)

    Sabato 07 Ottobre 2017 08:13

ALTRE NOTIZIE:     Binetto      Bitetto      Modugno      Toritto

G.D. SERVICE SECURITY

World Car - Toritto

WORLD CAR

Stella Revisioni - Officina

Nicola Stella - Revisioni - Elettrauto

Autocarrozzeria-Palmadessa

Cell: 324.5986467

Autocarrozzeria Palmadessa

RACCOLTA DIFFERENZIATA

G R U M O  A P P U L A

(esposizione mastelli tra le 5:00
e le 8:00)
Differenziata Grumo Appula

B I N E T T O

(esposizione mastelli tra le 19:00
e le 23:00)

IN VIGORE DAL 30/10/2016

Autocarrozzeria Palmadessa

RIFIUTI INGOMBRANTI
CHIAMARE:
GRUMO A. 800.588.216
BINETTO
800.999.531

Binettonline.it

Farmacie Grumo App.

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

Le ultime stagioni in Promozione

Indice
Le ultime stagioni in Promozione
Campionato 73/74.Classifica finale
Campionato 74/75
Campionato di promozione 75/76
Tutte le pagine

I campionati del club rossoblu

Centrato l’obiettivo «salvezza» con l’11° posto finale ottenuto nel corso del primo Campionato di Promozione 72/73 senza sfigurare in un girone che la vide in lizza con squadroni dai nomi altisonanti, la Grumese Europa si assicurò la permanenza nel massimo torneo calcistico regionale rimanendovi per altre tre stagioni di seguito. In questi anni il programma fu sempre lo stesso: raggiungere la salvezza.

Nel campionato 73/74 la squadra compì un vero miracolo evitando la retrocessione per un punto. Alla vigilia di questa stagione la società rossoblu presieduta dal geom. Lorenzo Antonelli aveva fatto pochi ritocchi alla squadra con l’innesto del portiere Morisco acquistato dal Bernalda, dell’ala sinistra De Feudis proveniente dal Bisceglie e dei centrocampisti Bellomo e Martinelli prelevati dal Noci; furono lanciati tanti giovani del vivaio tra cui il centrocampista Mercurio, il difensore centrale Servedio, l’attaccante Stridente.

Fu ingaggiato l’allenatore giocatore Vincenzo De Palma che, però, al quasi giro di boa fu esonerato perché in dodici giornate aveva racimolato una sola vittoria casalinga ottenendola sul Ruvo per 2-1 e due pareggi interni, contro il Bisceglie (1-1), squadra decisa ad ogni costo a riprovare la risalita in D, e contro il momentaneo capoclassifica Noicattaro (0-0). Il cambio della guida tecnica fu affidata a Saverio Mancini che nelle ultime tre partite del girone di andata conquistò cinque punti vincendo 2-0 sul Corato, 0-1 sull’Altamura (rimarrà l’unica vittoria esterna di tutto il campionato) e pareggiando 2-2 in casa del Noci. La seconda parte del torneo iniziò con lo svantaggio della penultima posizione in classifica.
 


Mister Saverio Mancini
con il bomber Michele
De Feudis (anno 1974)

 

Dopo aver perso di misura i primi tre incontri contro Cerignola (la squadra ofantina vincitrice del torneo), S.Severo e Ruvo, la Grumese E. aveva assolutamente bisogno di una vittoria per poter proseguire il discorso salvezza, e ci riuscì meritatamente imponendosi sul Giovinazzo per 2-1 (reti di De Feudis e Paolo Nuzzi). Degli ultimi 22 punti disponibili la Grumese E. ne conquistò solo la metà che furono sufficienti per non retrocedere.

Li ottenne battendo C. Cassano per 1-0, Castellana per 2- 0, Modugnese e Altamura per 3-0 e pareggiando gli incontri contro Ortanova e Corato per 0-0 e contro il Liberty Palo per 2-2. Mattatori di queste partite furono i fratelli Rocco e Paolo Nuzzi, De Feudis e Bellomo, oltre a Martinelli, Di Maggio, Debellis. La Grumese E. fu salva con 22 punti, uno in più della Modugnese che retrocesse in Prima Categoria insieme all’ultima classificata Altamura. 8 furono le vittorie (7 casalinghe), 15 le sconfitte (di cui 4 in casa) e 6 i pareggi finali (4 interni). Le reti segnate furono 27 e 35 quelle subite. Il goleador della squadra fu Michele De Feudis che alla sua prima stagione in maglia rossoblu realizzò 8 centri.

Visto come erano andate le cose nel corso del precedente torneo, i dirigenti della Grumese E. ricorsero ai ripari per rinforzare la squadra, con la speranza di affrontare più tranquillamente il campionato 74/75 e raggiungere un piazzamento migliore in classifica.

Alla guida tecnica fu chiamato l’allenatore giocatore Vittorio Varvara (che durò fino alla 27a giornata, sostituito da Saverio Mancini): dietro i suoi consigli tecnici erano stati acquistati il portiere Vitale (di ritorno dal C. Cassano), il difensore Guarnera, il centrocampista De Pascale, e gli attaccanti Giannatasio e Lopez. La Grumese E. chiuse bene la prima parte del campionato occupando una posizione di centro classifica: 5° posto con 16 punti. Aveva vinto 5 incontri (4 casalighi), ne aveva pareggiati 6 (2 interni) e persi 4 dei quali uno soltanto in casa contro il Noicattaro per 1-3 alla 6a giornata: le altre sconfitte erano venute nella trasferta-derby contro i cugini del Liberty Palo (3-0) e contro Bisceglie (4-1) e Ortanova (1-0).
Nel girone di ritorno i rossoblu, lontani dalla zona pericolo, avevano però smarrito grinta e agonismo.

In undici incontri si aggiudicarono due vittorie e tre pareggi; l’unica grande soddisfazione fu quella di aver fermato sul risultato finale di 0-0 alla 24a giornata la capolista Bisceglie che al termine di questo campionato fu promossa in Serie D. La sconfitta subita per 1-0 in casa del Noci alla 27a giornata, la terza consecutiva dopo quella di Ruvo (1-0) e contro l’Ortanova (0-1), determinò l’allontanamento di Varvara. Il nuovo trainer Mancini ebbe solo il tempo di ridare fiducia e morale alla squadra che nelle ultime tre partite pareggiò il confronto col Trani (con l’identico risultato di 1-1 dell’andata), perse 2-1 contro il C.Cassano (2-1 all’andata) e fece sua l’intera posta vincendo 2-1 sul Laterza all’ultima di campionato (2-3 all’andata) con gli ultimi gol stagionali di Martinelli e De Pascale. La Grumese E. concluse il torneo all’11° posto a 26 punti, come nel campionato 72/73, frutto di 8 vittorie (7 in casa), 10 pareggi (6 interni) e 12 sconfitte (2 in casa), con un totale di 30 reti fatte (21 in casa) e 41 subite (13 in casa).

Ad impensierire le difese avversarie fu ancora una volta il mancino De Feudis che andò in rete 13 volte, 4 su calci di rigore. Dei sui centri si ricordano ancora il gol della bandiera nella gara di andata col Bisceglie, la rete del vantaggio realizzata direttamente su calcio d’angolo nella partita di ritorno contro il Trinitapoli e le personali doppiette ai danni del Corato (partita di recupero della 3a giornata giocata il 2- 6.12.74 e vinta dai rossoblu per 3-1) e del Liberty Palo nella gara di ritorno finita 2-2. Al quarto anno di Promozione, causa i lavori di ammodernamento al campo sportivo, la Grumese E. non poté usufruire del proprio terreno di gioco per l’intera stagione: un inconveniente che gravò in misura non indifferente. Per la disputa delle gare in casa fu ottenuta la disponibilità dei campi «neutri» di Palo del Colle, di Cassano e di Bitonto. Il calendario della stagione calcistica 75/76 subì una variazione per la retrocessione del Putignano in Promozione (per illecito sportivo) decretata dalla C.A.F. (Commissione Federale di Appello). Così il Girone A (Bari-Foggia) divenne di 17 squadre e a retrocedere dovevano essere in tre. Nelle file della Grumese E. arrivò il centravanti Salvatore, ex G.R.Matera ed ex C. Cassano, un giocatore dalle buone individualità.

Completavano i quadri della compagine la punta Miriello e il difensore Cellammare mentre in panchina ritornava una vecchia conoscenza dei tifosi: Giuseppe Barile. Valida nel reparto attaccante ma piuttosto mediocre in difesa, la Grumese E. in questo torneogiocò un buon calcio ottenendo anche delle ottime soddisfazioni che, purtroppo, non evitarono la retrocessione. Ricordiamo l’esordio vincente (sul neutro di Palo) per 2-1 contro la matricola Mola con i gol di Mercurio e De Feudis, la vittoria sul Ruvo per 4-0 (2 gol Salvatore, De Feudis, Debellis), l’1-1 esterno a Putignano (rete di De Feudis), l’ottima opposizione nella partita senza reti contro la momentanea capolista Molfetta alla 12a giornata, la vittoria per 3-1 sul Corato (De Feudis, Miriello, Salvatore), un 2-0 ai danni del M.Foggia alla 2a giornata di ritorno (Salvatore, Lopez), la sconfitta di misura sul neutro di Cassano contro il Putignano, e il poker sull’Ortanova (Salvatore, 2 gol Miriello, De Feudis), vittoria che riscattò alcuni precedenti insuccessi. Ma le partite più incredibili furono la netta vittoria di 2-0 sul Molfetta alla 28a giornata che segnò il crollo dei biancorossi appaiati in testa alla classifica col Putignano a quota 40 punti, lo 0-0 contro il Castellana a due giornate dal termine, dove si giocò la salvezza, e il colpo di grazia in casa del Trani, nonostante il 3-3 finale, che mise fine ad ogni speranza per evitare la retrocessione.

La partita contro il Molfetta (recuperata il 2-6-75 al «Mario Rossani » di Cassano) aveva tutto il valore di uno strano spareggio fra una squadra aspirante alla vittoria finale e un’altra, la Grumese E., relegata nelle sabbie mobili della classifica con lo spettro della retrocessione sempre più vicino. In questo match Barile non sedette in panchina: in settimana lo spogliatoio rossoblu aveva rotto ogni feeling con il tecnico modugnese. Per il Molfetta si trattò di una inaspettata battuta d’arresto davanti ad una Grumese E. in giornata di grazia guidata da un determinato Michele De Feudis, autore dei due gol della vittoria. La vittoria, elogiata dal presidente Antonelli riuscì a ripagare tutte le difficoltà incontrate nel corso del campionato.



Il presidente Lorenzo Antonelli con il difensore Vincenzo Cea


Poi venne il pareggio contro il Castellana che lasciò inalterata la precaria situazione in classifica di entrambe le compagini che, insieme al Giovinazzo, erano fermi a quota 25 punti; una vittoria dei rossoblu poteva porre una seria ipoteca sulla permanenza in Promozione. A questo punto del campionato (ultima giornata) la situazione in coda alla classifica divenne esplosiva. Il Liberby Palo era già condannato matematicamente a retrocedere, le altre due andavano scelte fra Grumese E., Castellana e Giovinazzo. Solo il Castellana si salvò vincendo a Mola per 0-1. Il Giovinazzo pareggiò 0-0 con il Noicattaro e altrettanto fece la Grumese E. a Trani con un rocambolesco 3-3 al termine di 90’ giocati con grande impegno dai rossoblu: ma non bastò. Alla fine il Putignano salì in cattedra a quota 43 e vinse il girone con un solo punto di scarto sul Molfetta. Con amarezza la Grumese E., penultima classificata a 26 punti (ex aequo col Giovinazzo), retrocesse in Prima Categoria con la consolazione del riconoscimento federale di squadra più disciplinata del torneo. In questo suo ultimo campionato di Promozione la Grumese E. realizzò 6 vittorie (tutte in casa), 14 pareggi (7 casalinghi) e 12 sconfitte (3 interne). Andò in rete 34 volte (26 in casa) subendo 37 gol (14 in casa). Capicannonieri della squadra furono Michele De Feudis e Nicola Salvatore con 11 centri ciascuno.



Share
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Grumonline.it" (clicca qui).

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

REDAZIONE ON LINE

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA

SULLE ALI DELLA LIBERTA'
di Alessandro Fariello
Sulle ali della Libertà

Grumonline.it