clicca per info
  • BINETTO: LUNEDI 17 FEBBRAIO 2020 INCONTRO SU CRISI MIGRATORIA

    Domenica 16 Febbraio 2020 10:59
  • GRUMO APPULA: NUOVO COORDINATORE DELL'UFFICIO PIANO DI ZONA, LA DOTT.SSA ABBRESCIA PRENDE IL POSTO DEL DOTT.BALBINO

    Domenica 16 Febbraio 2020 10:50
  • GRUMO APPULA: BOCCIATURA PIANO DI RIEQUILIBRIO, COMUNICATO SINDACO USCENTE MIHELE D'ATRI

    Sabato 15 Febbraio 2020 09:58
  • BINETTO: SABATO 29 FEBBRAIO 2020 "XXI SAGRA DEL CALZONE DI CIPOLLA" E MUSICA DE "U' SCIARABALL"

    Sabato 15 Febbraio 2020 09:35
  • BINETTO: MARTEDI 3 MARZO 2020 FESTA PATRONALE DI MARIA SS.DI COSTANTINOPOLI

    Sabato 15 Febbraio 2020 09:25
  • COMUNE DI GRUMO APPULA: BOCCIATO DALLA CORTE DEI CONTI IL PIANO DI RIEQUILIBRIO DELL'ENTE

    Giovedì 13 Febbraio 2020 16:59

ALTRE NOTIZIE:     Binetto      Bitetto      Modugno      Toritto

Segui Redazione Online Network su Facebook


Autocarrozzeria-Palmadessa

Cell: 324.5986467

Autocarrozzeria Palmadessa

RACCOLTA DIFFERENZIATA

G R U M O  A P P U L A

(esposizione mastelli tra le 5:00
e le 8:00)
Differenziata Grumo Appula

B I N E T T O

(esposizione mastelli tra le 19:00
e le 23:00)

IN VIGORE DAL 30/10/2016

Autocarrozzeria Palmadessa

RIFIUTI INGOMBRANTI
CHIAMARE:
GRUMO A. 800.036.459
BINETTO
800.999.531

Binettonline.it

Farmacie Grumo App.

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

Condividi questa pagina con i tuoi amici

 

Le promozioni del Grumo e della Grumese in 74 anni di attività

Scritto da Pino Camastra    Venerdì 10 Ottobre 2008 16:26
Indice
Le promozioni del Grumo e della Grumese in 74 anni di attività
Stagione 1941/42
Stagione 1942/43
Stagione 1948/49
Tutte le pagine

Stagione 1939-40
La prima volta in I Divisione

Per la rinuncia di alcune squadre a rinnovare l’affiliazione federale, il Grumo aveva ottenuto dalla Lega Calcio l’ammissione a disputare il Campionato Regionale ’39-40 di I Divisione (Div.).

La notizia di essere fra le grandi del calcio pugliese (la I Div. era paragonabile alla Serie D) fu accolta con vivo compiacimento degli appassionati sportivi locali, ma nel corso del torneo la squadra, formata in larga maggioranza da forestieri, non riuscì mai a trovare l’assetto migliore. Il campionato alla fine fu vinto dal Brindisi B che fu promosso alla Divisione Nazionale di Serie C; il Grumo, ultimo in classifica sin dalla fine del girone di andata, retrocesse in II Div.

Questi sono i nomi di alcuni giocatori del Grumo utilizzati in quel campionato: Gabutti, Tripoli, De Micheli, Lozito III, Gonnella, Tenti, Di Claudio, Gerosa, Lozito II, Dubini, Sales, De Marisnis, Giannaccaro, Parodi, De Paola.
 


 

Stagione 1941-42
Fra le grandi della IV Serie.

Il precedente campionato ’40-41 di II Div. era stato chiuso dignitosamente dal Grumo finito al quarto posto con otto lunghezze di distacco dal capolista Mola (56 punti). Con tale piazzamento acquisì per la seconda volta il diritto al passaggio in I Div. per la stagione successiva, insieme a Carbonara e Bari C.

Chiamato ad allenare il Grumo fu Francesco Scarola, di 25 anni, destinato a far parlare molto di se negli anni successivi. La squadra presentata per questa competizione era composta da giovanissimi atleti in massima parte locali e già vincitori della «Coppa Lovecchio Musti», prestigioso torneo indetto nell’estate del 1941 dalla sezione barese della Figc in memoria di uno dei migliori arbitri baresi morto in guerra. Ma ancora una volta si trattò di un grigio campionato per il Grumo che finì al penultimo posto e con il maggior numero di reti incassate, ben 51. Nell’ampia rosa dei cartellinati (c’erano anche alcuni sfollati) giganteggiò la prima stella del firmamento calcistico grumese: Paolo Mastrangelo.

Definito il miglior mediano del torneo fra gli altri di lui più quotati, giocò 16 partite realizzando 7 delle 10 reti segnate dal Grumo. Nativo di Binetto (1926), fu l’amico Mario Gismondi (binettese, giornalista e attuale direttore di RTG Puglia) a segnalarlo a Scarola che, ammirate le buone doti tecniche del ragazzo, lo accolse nel suo vivaio.
 

Passato all’A.C. Bitetto, Mastrangelo trovò la consacrazione in una squadra di rango superiore, il Molfetta, con cui vinse un campionato di Promozione (’50-51) arrivando in Serie C. Dopo qualche anno di militanza fra i professionisti, il trasferimento nell’Acquaviva (Lega Promozione) e infine nel 1955 il ritorno nella Grumese per disputare la sua ultima stagione calcistica in I Div. come allenatore-giocatore (6° posto).

Abbandonato lo sport, si dedicò pienamente alla professione di ingegnere e di insegnante di materie tecniche. Fu primo cittadino a Binetto e a Grumo. Morì che era Sindaco a Grumo nel 1975, a soli 49 anni.
 


Una formazione del Grumo (con maglia a righe) per la stagione
1941-42. In piedi (da sinistra): Demauro, Macchia, Vitulli,
G. Mastrangelo, Nuzzi, P. Mastrangelo, Scarola (allenatore);
accosciati (da sinistra): Castoro, Rubino, D’Elia, De Marinis,
Squadrilla. Altri giocatori erano: Mastrandrea, Leuzzi, Litro,
Cartaro, Savino, Grittani, Pesce, Carella, De Vivo, Pardini,
Blasio, Misciagna, Tardonato, Tognati.

 


 

Stagione 1942-43.
La promozione pre-bellica..

Quel torneo di II Div. fu di breve durata (10 giornate) per l’esiguo numero delle squadre partecipanti: 6 in tutto. Su dieci incontri disputati il Grumo ne vinse 9, perdendo solo alla terza giornata la partita interna con l’Adria Bari per 1-2.



Allenato da Francesco Scarola, il Grumo conquistò, per la prima volta e sul campo, la I Div. classificandosi al primo posto del girone B con 18 punti; realizzò 33 reti e ne subì soltanto 4. 20 reti furono realizzate in trasferta di cui 14 ai danni dello Sallustio Molfetta con doppietta della mezz’ala mancina Giacomo Spadafina un quindicenne dotato di qualità tecniche eccezionali.

Dopo la conclusione del campionato di I Div. ’43-44 e con l’avvento del secondo conflitto mondiale il Grumo sospese ogni attività sportiva. Il Campo Sportivo fu requisito dagli inglesi che lo adibirono a campo per prigionieri italotedeschi (207 Prisioners Of War Camp).

Finita la guerra, il Grumo fu iscritto al campionato ’46-47 di I Div. ma disputò tutti gli incontri sul campo neutro di Bitetto. Il ritorno nelle proprie mura coincise con l’inizio della successiva stagione e per la riapertura del Campo Sportivo, ribattezzato «Il Comunale», Vincenzo De Lilla (1906-1968), che si firmava con lo pseudonimo Così..vidi, dedicò questi simpatici versetti:

Saluto augurale
Dopo mesi e mesi ed anni di penose aspettative
trovan tregua i nostri affanni le incresciose alternative.
Sul bel Campo amico torna baldanzoso il Giocatore
mentre Maggio d’erbe adorna il sentiero tutto in fiore!
Sul cancello, ormai dischiuso,
prodigiosa una ventata ha spazzato, come d’uso,
polve greve, accumulata.
Salve, o Campo bene amato
che conosci la bufera e il martirio d’un passato:
già tornata è primavera.
Ed insiem la giovinezza
per temprarvi corpo e mente e cantarvi la bellezza
delle antiche glorie spente.
Su di te splende giulivo
il bel sole, il cielo azzurro mentre il mandorlo e l’ulivo
breve musica un sussurro…
Sul pennone salga, o figlio,
della Grumo il gran pavese
che nei tempi e col periglio dette lustro al tuo paese.

Così…vidi. 13/5/1947 Ma il Grumo in questo campionato si classificò al penultimo posto e scese in II Div.
 



 

Stagione 1948-49
Il primo titolo del dopoguerra

In questo campionato di II Div. il Grumo, sotto la guida del sanguigno Francesco Scarola, si sistemò in testa alla classifica del girone C e vi rimase fino al termine. La squadra disputò l’intero campionato adottando una casacca azzurra. Il ritorno in I Div. dopo la deludente stagione passata fu festeggiato nell’ultima giornata con la storica vittoria interna per 10 a 0 sull’Altamura: 4 gol Panza, 2 D’Alessandro, 1 Rubino, 1 Lella e due autogol.

Vinto il girone (20 punti in 12 partite, 9 vittorie, 2 pari e una sola sconfitta in casa del Massafra (2-0), 41 goal segnati di cui 7 dal capocannoniere Giacomo D’Alessandro, e solo 8 reti subite), la compagine grumese non riuscì però ad aggiudicarsi il titolo regionale della categoria nella finalissima con l’Oria (persa per 2 a 1) giocata il 3 luglio 1949 sul campo di Monopoli.


Il Grumo in una formazione del campionato 1948-49.
Da sinistra, in piedi: Luigi Lessa (presidente), Domenico De Paola
(dirigente), D’Alessandro, Martino, Squadrilla, Tassiello, Ambrosio,
Scarola (allenatore). Accosciati: Albanese, Panza,
Casalino, Messa II, Messa I, Laneve.

Share
 

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti. LA REDAZIONE NON E' RESPONSABILE DEI COMMENTI INSERITI: l'autore si assume tutte le responsabilità sul contenuto del proprio commento. I commenti diffamatori saranno consegnati alle autorità competenti, che potranno risalire agli autori dei messaggi. Per commentare tramite Facebook cliccare sul link al gruppo Facebook "Grumonline.it" (clicca qui).

REALIZZAZIONE SITI WEB

Vai su WebInvent

REDAZIONE ON LINE

Community Login

L'iscrizione è GRATUITA

SULLE ALI DELLA LIBERTA'
di Alessandro Fariello
Sulle ali della Libertà

Grumonline.it